Habemus deck! I prototipi delle scatole sono arrivati!

I primi prototipi dei deck People Branding sono arrivati! Strumenti pratici che compongono il Business Model Journey, per scoprire un nuovo modo di fare impresa. Sono scatole da gioco fatte per essere vissute in condivisione, con le persone al centro.

Chi magari segue le nostre news con assiduità, avrà visto apparire la parola deck forse un centinaio di volte, chiedendosi, ne siamo sicuri: “Ma, esattamente, che roba è?”.
Beh, ora lo sappiamo anche noi! Perché finalmente i prototipi sono arrivati e potrai vederli dal vivo in occasione delle varie presentazioni del libro. Si tratta del People Brand Dna, del People Sswwot e del People Experience Journey.

I deck non sono altro che gli strumenti “fisici” che compongono il Business Model Journey, racchiudono i capisaldi “teorici” della ricerca che ha portato alla nascita di People Branding, perfezionati dalle applicazioni effettuate con le aziende.
Sono scatole da gioco fatte per essere vissute in condivisione, con le persone al centro, e pensate per essere sperimentate e risperimentate nel tempo.
Non farti ingannare dal termine “gioco”. I deck hanno un obiettivo serissimo: supportare gli imprenditori, manager, consulenti e freelance nel prendere decisioni strategiche e dinamiche, che evolvono in funzione degli scenari e dei cambiamenti.

Ogni scatola è legata a una scelta aziendale specifica e può essere usata singolarmente o in combinazione con altre, a seconda dell’obiettivo.
All’interno si può trovare il o i poster che rappresentano il “quadro strategico” dell’analisi e delle azioni, sono il punto di riferimento e orientamento per ogni scelta da attuare.
Lì, sotto forma di post-it, creati con il contributo di tutti i “giocatori”, è racchiuso il patrimonio di informazioni e idee condivise che permettono all’imprenditore e al team di agire in sincrono e migliorare nel tempo. 
Ad accompagnare i poster, diversi oggetti tra cui le carte di facilitazione che aiutano a esplorare tutte le aree legate all’obiettivo, a considerare anche aspetti spesso sottovalutati e a stimolare il gioco stesso. Infine le istruzioni, per guidare i partecipanti nelle diverse fasi e nel rispetto dei tempi, che a seconda dei deck possono variare da 4 a 6 ore.

Se vuoi saperne di più scrivici qui.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

wired next fest workshop brandanalisi esperienza cliente